Spedizione gratuita per ordini superiori a 75 euro

Ultimi post

Post popolari

  • SPEDIZIONI 24/48 h

    Sabato, Domenica, festivi esclusi. Gratuita per ordini pari o superiori a 75,00 €

  • Made in Salento

    MADE IN SALENTO

    I nostri prodotti sono realizzati in Salento con materie prime italiane.

  • PAGAMENTI SICURI

    Accettiamo anche Bonifico Bancario e Contrassegno

  • SPERIMENTAZIONE

    Prodotti non testati sugli animali

Scopri i dolci tipici salentini da mangiare durante le Feste Natalizie

Postato in: Salento
28 December 2017
731 Visite
Like

Quando le vacanze di Natale si avvicinano, passeggiando per le bellissime località del Salento, si sente il profumo dei dolci nell'aria.

Se i dolci tipici italiani maggiormente conosciuti sono il pandoro e il panettone, chi passerà le vacanze natalizie nel Salento, potrà assaporare una varietà di dolci della tradizione altrettanto invitanti, dal gusto autentico e genuino.

Questi dolci sono preparati ogni anno con amore e imbandiscono le tavole di ogni famiglia nei giorni di Festa. Dai “purceddhruzzi”, ai mostaccioli: ecco quali sono i dolci natalizi tipici del Salento

I dolci natalizi tipici del Salento

Se trascorrerete nel Salento le vacanze di Natale, potrete conoscere e gustare varie sfiziosità, che potrete trovare nelle pasticcerie salentine, nelle feste e sagre che ci sono e anche se sarete ospiti degli abitanti locali.

La prima specialità tipica sono i “mustazzoli nnasprati”, dolci di tradizione araba che non necessitano lievitazione, hanno la forma di pasticcini ma sono composti da un impasto di zucchero, farina, miele e mandorle, ricoperto di glassa di cioccolato. Il termine “nnasprati” fa infatti riferimento proprio alla golosissima glassa.

Questo dolce è tipico non solo nel Salento ma di tutta la Puglia e in genere del Sud Italia, tuttavia la versione salentina è maggiormente povera di spezie (rispetto ad altre Regioni meridionali) e di conseguenza più genuina.  I mustaccioli si preparano anche per le feste patronali estive, da quando un gelataio del dopoguerra decise di continuare la sua attività anche in inverno, sostituendo i gelati freddi con dolci più congeniali al clima.

Vi sono poi i “purceddhruzzi”, che devono la loro origine ai tempi della Magna Grecia. Si tratta di bocconcini di pasta dolce fritta nell’olio, fino ad ottenere una consistenza croccante; infine viene passata nel miele. Vengono serviti insieme a canditi, frutta secca e cannella. Rappresentano la versione salentina degli struffoli campani, più noti.

Simili ai purceddhruzzi ci sono le ‘ncarteddrate, cioè strisce di pasta dolce, anch’esse fritte e passate nel miele, ricoperte di pinoli e cannella. Sono diffuse, oltre che nel Salento, anche nel resto della Puglia e in Campania. Le strisce di pasta sono intrecciate tra loro a rappresentare simbolicamente il fascio in cui fu avvolto Gesù Bambino alla nascita e allo stesso tempo la corona di spine della sua Passione.

Le pittule dolci e il pesce di pasta di mandorla

Non di rado, purceddruzzi e ncarteddrate vengono servite con altre graziose forme di pasta fritta, come le “rose”, anche in questo caso passate nel miele e ricoperte di pinoli, canditi e frutta secca. Inoltre, potrete anche assaggiare la versione dolce delle “pittule”, palline di pasta fritta che in alcuni paesi del Salento vengono preparate nel giorno dell’Immacolata e nel corso del periodo natalizio.

Le pittule dolci sono generalmente passate nello zucchero (sciolto o meno) oppure nel miele e hanno un gusto unico. Infine, ma non meno importante tra i dolci salentini, c’è il pesce di pasta di mandorle. L'impasto si ottiene sminuzzando mandorle sgusciate insieme a zucchero.

La pasta viene poi composta nella forma di un pesce in occasione delle feste di Natale, poiché simboleggia Gesù Bambino. In occasione della Pasqua, invece, viene preparato lo stesso dolce ma a forma di agnello.

Le origini dei dolci salentini

Le origini di ciascun dolce sono molto più lontane di quanto ci si immagini: i Romani usavano friggere nell’olio della pasta dolce e servirla ricoperta di miele e frutta secca, come nella ricetta attuale dei purceddhruzzi. I dolci a base di mandorle derivano da una tradizione portata dalle dominazioni bizantine del Sud Italia. La storia di queste pietanze rappresenta per i Salentini un’eredità a cui aggiungere l’amore per la propria terra e il gusto di festeggiare insieme ai propri cari. 

TOP